Tag

, ,

Ieri sera ho partecipato al bookclub di Zelda was a writer, e il libro al centro del nostro incontro è stato “Gli anni al contrario” di Nadia Terranova. Un libro che non può lasciare indifferenti, ambientato negli anni ’70, amore (o forse l’ideale dell’amore), la politica (e la voglia di cambiare il mondo), i padri-padroni (forse più deboli delle madri-donne) , la droga e la malattia (che con il suo nome ,ovvero aids, non viene praticamente mai citata), la dolcezza, la rabbia, la rassegnazione e la voglia di andare oltre sono solo alcuni dei temi racchiusi in questo libro. I dialoghi brevi, in un romanzo breve, rapido quasi a voler andare oltre…oltre la vita, oltre l’amore, oltre la malattia. Per chi come me ha, anche se in parte, vissuto gli anni di piombo non può non trovare un pezzo della sua vita, di quella di un amico, magari di un genitore.il mio kindle

Come sempre le mie sono solo impressioni di lettura: un libro da leggere con attenzione, per ricordare e per conoscere un’epoca nella quale c’era (ancora) la voglia di cambiare il mondo.

L’incontro si è tenuto presso l’appartamento Lago di Milano. Tante persone, tante vite e tante esperienze in un’atmosfera di condivisione senza giudizi e/o pregiudizi.Ancora una volta sono uscita dall’incontro portando a casa la voglia di leggere e di interpretare, di vedere un libro con occhi diversi anche attraverso  gli occhi e le impressioni di tutti i partecipanti. Una bellissima esperienza!

Alcuni momenti della piacevole serata

il tavolo all'inizio dell'incontroCamilla e una lettriceVino dei Piani Castellani

Advertisements