L’estate per me.

E’ definitivamente estate. La bipede ha finito ed è contenta. La sua camera sta assumendo aspetti normali, ma resta mooolto ancora da fare. Il principe è spesso via, ma complici le giornate più lunghe, alla sera si chiacchiera e si beve insieme (gli faccio bere il mio adorato Baileys con ghiaccio, mentre guardiamo un film).

I ritmi sono decisamente più lenti, nonostante le pulizie estreme abbiano preso il via. Le mie unghie hanno colori brillanti. L’acquisto di libri, quasi compulsivo è iniziato. La voglia di cucinare è invece definitamente partita.

Le cene con amiche sono iniziate, così come le chiacchiere via wapp…il tempo e le informazioni varie da recuperare sono molte!

I brutti pensieri legati all’esito della biopsia di mia mamma sono finiti, appena ho letto benigno, ho iniziato a vedere un futuro, anche a breve, piuttosto rassicurante.

Grazie alla bipede ho iniziato a pubblicare su Instagram. Per ora sono poco attiva ma vado a vedere le foto di altri, nonostante la bipede mi dica che non è il miglior uso di questo social.

IMG_0821.jpg
La libertà di qualche anno fa in un lungo viaggio on the road.

Il senso di libertà mi piace da impazzire. 

 

 

 

Annunci

La libertà portata dalle rughe

In questi giorni me le sono un po’ guardate: qualche zampa di gallina, qualche segno sulla fronte, un accenno di codice a barre sopra il labbro superiore….e poi diciamo che le mani beh quelle si vede che non sono più quelle di una trentenne.

Ma…e qui viene il bello. Non me ne importa nulla. Anzi. Le rughe mi hanno portato la libertà, sì sì proprio la libertà. Libertà di non sentirmi obbligata ad andare in ufficio messa in tiro (non che prima fossi una fanatica), di non mettere i tacchi tutto il giorno, di uscire struccata anche per andare in centro dove so che incontro gli abitanti della mia metropoli pronti a commentare, di fare i regali solo alle persone per le quali lo sento, di dire che sono stanca, di fare anche se raramente una pennichella la domenica pomeriggio, di dire qualche vaffa in più, di accettare le insanabili divergenze di vedute con mia madre, di essere più indulgente son le persone (che se lo meritano), di sentirmi molto più serena con me stessa.

E poi di testa, per ora, mi sento ancora trentenne, con la voglia di fare (quello che ho voglia di fare), di progettare, di viaggiare, di correre (se non ho mal di schiena e tutto il resto) con il cane.

E ieri che la mia bipede ha compiuto 18 anni mi sono sentita una mamma gioiosa, felice, allegra a con tanta voglia di ridere  con tutte le ragazze e i ragazzi che hanno festeggiamo con mia figlia!

Viva le rughe, viva la vita, viva la consapevolezza di vivere al meglio, anche l’attimo!

Le rughe portano libertà
Le rughe portano libertà

Tempo di riflessioni e di zucche

Eccomi, alle prese con la tristezza delle giornate buie e delle prime nebbioline padane, e per me che sono metereopatica non è il massimo.

Sono giorni di riflessioni e di pensieri. Mi ripeto che non devo prendermela per le cose inutili e futili della vita di tutti i giorni, ma non sempre ci riesco, soprattutto in ufficio dove comunque resto tutto il giorno.

Come spesso si dice “faccio cose, vedo gente” , cose che mi fa piacere fare, anche se ovviamente il tempo è poco. Però sono contenta di poter comunque  leggere, scrivere e poi spero di andare nel we a Milano per il Bookcity.  Però l’herpes oggi è arrivato…segnale che devo un po’ rallentare.

Oggi parlo di zucca su il Sano Quotidiano
Oggi parlo di zucca su il Sano Quotidiano

A proposito si scrivere, continua la mia collaborazione con www.ilsanoquotidiano.com (c’è anche la pagina facebook), dove oltre che di libri scrivo anche di benessere. Una bella occasione per cimentarmi in una attività che mi riserva sempre sorprese e soddisfazioni. Oggi ho scritto di zucca, se avete tempo venite a leggermi e a leggerci, gli articoli sono brevi,  proprio perché nessuno di noi ha mai molto tempo.

E poi….sempre di più penso che forse prima o poi mi butterò nel provare a fare a tempo pieno il lavoro dei sogni, o qualche cosa che gli somigli.

Nel frattempo anche la bipede fa cose e vede gente, e data la sua età è decisamente normale, ma quanto mi manca  la sua presenza in casa! Ormai restiamo sempre più spesso io, il principe e i quadrupedi!

Ultima prima settimana di scuola

Anche la bipede ha ripreso la scuola: ultimo anno di liceo.

Sono più emozionata io di lei perché nei suoi occhi leggo un turbinio di emozioni, di dubbi, di paure, di speranze. Un anno complesso nel quale dovrà prendere la patente (iniziate oggi le lezioni di teoria anche se non ha ancora compiuto gli anni, ma mancano poche settimane), studiare per i test anticipati all’università (e sembra convinta di voler fare economia come me e il principe, il che non so se è proprio una grande idea), studiare per l’anno scolastico, studiare per la fantomatica maturità e soprattutto VIVERE.

Vorrei (ma so di non riuscire) a trasmetterle:

  • di non aver fretta, mai per nulla e per nessuno
  • il privilegio della leggerezza, che poi non tornerà più e che ancora può vivere in totale libertà
  • l’energia del libro ancora bianco che può scrivere e anche riscrivere
  • la gioia e la serenità nel sapere che potrà decidere, ma che ha avrà ancora tempo per tornare indietro
  • la capacità di sapersi fare “scivolare” alcune situazioni (non tutte eh)
  • l’attitudine a sorridere sempre e comunque alla vita

Vola principessa!

Tutto uguale eppure tutto diverso

Mi sono sposata 20 anni fa, oggi, una giornata splendida di settembre, il cielo terso, la gioia, la paura, l’allegria, l’emozione e tanta energia.

Io ero una ex ragazza, ovvero  donna data l’età , ma con tante ansie sul lavoro, la vita, la salute, la casa (che volevo sempre perfetta). e tutto doveva essere sotto controllo. Io e il principe abbiamo fatto tanta strada, tra sorrisi, lacrime, viaggi, lavoro, scelte, insomma vita.

Ora sono una donna quasi matura (forse  un po’ tanto matura, data l’età ), che ha ancora qualche ansia per il lavoro, che si accetta anche con qualche kg in più  che controlla meno e che sorride alla voglia di fare sempre cose nuove e stimolanti (ecco perchè sono una irrequieta cronica).

Ora la casa non è più perfetta come prima, perchè è sempre ultra vissuta, c’è la bipede  , la quadrupede gatta, la quadrupede cana, libri, pc, tablet, cucce, articoli tagliati,candele….ma ridiamo ancora molto, mangiamo molto (forse di più) e guardiamo al futuro nostro, ma soprattutto a quello che è il nostro risultato di vita a due: ovvero la quasi diciottenne bipede.

Oggi abbiamo fatto colazione con una torta fatta in casa, che è stata fatta da mia mamma perchè oggi, come allora, non so cucinare i dolci!

Evviva la vita!

La torta della nonna per l'anniversario
La torta della nonna per l’anniversario

E non è sempre vacanza….

….anzi la vacanza è già finita da un po’, purtroppo. E’ stata una vacanza di relax, di letture, di attimi e di tanto cibo. Sono riuscita ad assaporare il singolo momento, la luce, le nuvole, il mare, l’acqua, il silenzio e l’assenza di tempo. E la vacanza si è conclusa con una visita all’Expo con anche i miei genitori, stanchi, ma con negli occhi tanta gioia: tutti insieme in allegria!

Gli attimi e il relax

Ma la vacanza dura poco, arriva solo qualche giorno all’anno mentre la vita, quella vera, arriva tutti i giorni…. quindi ho pensato ad alcuni buoni propositi per il nuovo anno, eh sì perché per me il nuovo anno inizia a settembre:

  • mantenere qualche buona abitudine estiva: ad es. colazione al bar qualche sabato
  • attività fisica per la mia schiena (questo è un obbligo), ma devo ancora capire bene cosa fare e quando
  • staccare il telefono, internet, wifi per qualche sera, e magari anche per qualche giorno
  • qualche passeggiata in più con la quadrupede, senza pensieri
  • bagno nella vasca (faccio tutti i giorni la doccia), magari con qualche candela
  • non usare tutte le energie in ufficio, dove di solito mi sento come un mulo e un mastino da lavoro duro, eh no mi sto impegnando a dosare le forze
  • serbare energie positive per dialogare e, se il caso, aiutare un pochino la bipede che quest’anno affronterà un anno decisivo (scelta dell’università, maturità….)
  • trovare il tempo per scrivere di più, magari accettando qualche richiesta molto gradita in merito
  • insomma direi vivere coccolandomi un po’ .

I buoni propositi ci sono….vediamo cosa riesco a fare soprattutto nel medio lungo periodo!

Un bel momento di relax
Un bel momento di relax

Ma vie en rose

Dopo giorni di irrigidimento: collo. schiena, gambee dolore placato solo dai mitici antidolorifici, mi decido e vado dall’osteopata.

Mi sdraio, lei mi stropiccia leggermente e tocca i punti chiave, ma soprattutto mi fa riflettere sulla natura e sul luogo delle mie “contratture”.

“Deve lasciarsi scivolare le cose, pensi a se stessa, non pretenda troppo da se stessa, non è una più una ragazzina è nomale avere maggior necessità di ripresa, scarichi la tensione appena riesce” . (Ma posso anche mandare qualcuno a quel bel paese?)

Sul momento vedo (e non solo dato che mi è stato fatto notare)  tutti i miei 48 anni sulle spalle, sul collo, sulla schiena…ma poi  l’osteopata mi propone dei cerotti  che aiutano ad alleviare il dolore e mi fa scegliere il colore tra nero, grigio e rosa.  Io scelgo il rosa.  Tutta incerottata, mi son rivestita e ho pensato che il rosa mi dona e molto! Per il resto ….beh mi impegnerò anche a vedere rosa…e a trovare qualche bel paese nel quale mandare qualcuno!

Ma vie en rose
Ma vie en rose

Mantra serale: relax in pink!  

Inizio vacanze: dialogo tra madre e figlia

Premetto che da domani il principe sarà via alcuni giorni per lavoro.

– Cosa ne dici bipede venerdì sera usciamo, ci sono i negozi aperti e c’è musica?

– No dai meglio riposarci in casa! Quasi non ho realizzato che la scuola è finita e ho studiato un sacco

– E sabato vieni a fare la spesa con me?

– Eh se proprio devo ma è uno sbatti. Poi quasi quasi studio un po’ per la patente. Il pomeriggio esco e forse anche la sera, oppure viene a cena “Bublé” (soprannome dato ad un “amico” un po’ più di amico…) così ti spiega  quello che volevi per la nuova macchina fotografica (Bublé è un genio a scuola e appassionato di fotografia)

– Domenica facciamo un salto a Milano?

– Ma hai detto che non compriamo nulla perché poi nel caso compreremo per i saldi. Scusa mamma ma forse dovresti trovarti qualche amica per uscire cosa ne dici? Io sto a casa, vedo amici, e mi arrangio da sola, mamma tu hai bisogno di distrarti un po’.

Cibo e atmosfera per attimi di piacere

Il cibo e la valorizzazione del tessuto agricolo locale sono gli ingredienti per gli eventi che nella mia città accompagnano l’EXPO.

Ingredienti da EXPO
Ingredienti da EXPO

Carlo Cracco ha creato una mostra, molto easy, molto poco strutturata, perfettamente integrata nel territorio. Per godere dei piccoli piaceri della vita (sta diventando il mio mantra) abbiamo fatto un giro alla mostra (anche la quadrupede ha potuto entrare) e abbiamo degustato cibi della zona e cannolo realizzato dallo chef siciliano Antonio Colombo, il tutto accompagnato da qualche buona bollicina.

Un paio d’ore di relax con amici e buon cibo, alla dieta ho dato appuntamento a data da destinarsi

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: