Il grigiore dei calzini…

…lasciati in giro dai bipedi uomini…o almeno dal mio!!! Non ci vorrà certo una laurea alla normale di Pisa per mettere le calze nel contenitore dello “sporco scuro” e le mutande nel cesto dei “chiari”!? Evidentemente è un concetto che non riesco a far capire!! Per non parlare della bipede e dei suoi vestiti ammucchiati dopo che IO li ho stirati!

Molto meglio i quadrupedi…non hanno calze, perdono forse un po’ di pelo….ma si fanno addestrare con molta poca fatica!!!……basta un poco di cibo!!! Si accettano suggerimenti per bipedi!!!!

Annunci

90 risposte a "Il grigiore dei calzini…"

Add yours

  1. I ragazzi sono cosi elena , in quanto ai mariti bisogna tingere le.calze di giallo e lasciarli andare al lavoro cosi . Con il mio ha funzionato
    baci

  2. E se invece del contenitore sbagliato le lasciasse sul tappeto del salotto?
    A volte credo che per amore di troppa precisione pretendiamo troppo da noi e dagli altri.
    Il suggerimento è quello di non stirare, e lasciare che la tua figlia impari a stirare gli abiti che indossa. Quando la sua camera sarà una porcilaia e le amiche le faranno notare che i suoi abiti sono sgualciti imparerà. Per i calzini, non so…io non sono così fiscale, la biancheria la posso dividere io prima di infilarla in lavatrice ma quel che posso suggerirti forse è di lavare la sua migliore camicia bianca con i suoi calzini neri. Potrebbe capire. Oppure fai un unico cesto della biancheria!

    1. No nel salotto nooooo!!! Ma ho trovato un paio di scarpe in salotto una mattina! Quanto alla bipede….ci ho provato…ha messo senza stirare…e così ho ceduto! Baci

  3. Tesoro….. almeno i suoi calzini arrivano al cesto della roba sporca …… ogni giorno mi “diverto” a fare la caccia al tesoro in giro per casa …. si in giro x casa e ogni volta che ho fatto partire la lavatrice , scopro che avevo altre 2 maglie nere da lavare !!! quindi ritieniti fortunata 😛 ………….. per la bipede figlia …. opterei per la soluzione indicata da donn(a), Io almeno questo problema non ce l’ho !!! 🙂
    buon week

  4. Io ho una cesta unica, i panni li separo io prima di metterli in lavatrice (e ricordandomi di togliere varie ed eventuali dalle tasche!), e comunque sì, sei fortunata che li mettano nella cesta, io i calzini di mia figlia li chiamo “i profumatori”, sempre sul pavimento della MIA stanza da letto!

    Per il problema dei panni da aggiungere a lavatrice già avviata, io ho risolto con quella con la carica dall’alto, che viene riaperta almeno un paio di volte durante il lavaggio. Un’altra soluzione è il fatto che le lavatrici abbiano tutte il riconoscimento automatico del carico, quindi al massimo se ne fa un’altra con gli altri pochi capi, purché siano almeno un chilo di biancheria asciutta.

    Buon bucato! 😀

  5. Non condivido, ovviamente i due suggerimenti dati dalle tue due interlocutrici che mi precedono. L’acquiescenza al disordine dei bipedi conviventi vorrebbe dire accettare il ruolo subalterno, subordinato della moglie e mamma all’interno della famiglia relegandola ad essere lei l’unico responsabile dell’ordine e dell’igiene della casa.
    Vero è che, normalmente, le donne appena sposate evitano di concordare queste cose soprattutto col neo marito e che, col passare degli anni poi si comprende che è stato un errore non averlo fatto ma è altrettanto vero che il marito dovrebbe comprendere da sè che il suo disordine, diventato menefreghismo, è una mancanza di riguardo nei confronti della moglie che non è la serva di casa soprattutto se deve rincorrere per casa per raccoglierla la biancheria sporca, calzini compresi del marito.
    La figlia se studia già il latino ha l’età perchè comprenda con le buone o che brutte che la sua biancheria se la deve stirare come la pulizia e l’ordine nella sua camera è affar suo.
    Le brutte abitudini date o subite prima o poi causano malumori che possono diventare esplosivi.
    Sono stato sposato anch’io per oltre 40 anni ma non ho mai costretto la bipede adulta che viveva con me a rincorrere o a raccogliere i miei calzini e, men che meno le mie mutande.
    Mentre la stessa bipede aveva dato alla figlia, oggi sposata, l’abitudine di non fare nulla in casa, dal suo letto in su.
    Eppure quella madre lavorava in ufficio mattina e pomeriggio!
    Qualcuno dirà che sono severo. Sì lo sono; anzitutto con me stesso.

    1. In linea di massima sono d’accordo con te ma credo che ci si debba chiedere se le regole sono state decise in due o se uno le fa e l’altro le deve rispettare. Ecco questo è uno dei punti, le DEVE rispettare. Io ho imparato che nella convivenza è fondamentale mettersi in ascolto dell’altro e se serve capire se le regole che abbiamo stilato( in questo caso il doppio cesto della biancheria) siano condivise, dal proprio convivente, marito, amante o chi per esso. Con questo non si pensi che tollero che si abbandonino calzini, mutande o cose simili, sono un generale con i miei figli e se lasciano la biancheria fuori dalla cesta li faccio tornare sui loro passi e la raccolgono ma non potrei costringere loro a mettere la biancheria separata per colore, la cesta è una e chi riempirà la lavatrice, marito, moglie, figlio o colf, si preoccuperà di dividerla.

    2. Sei un uomo vero e un grande uomo!!! Io sapevo che bipede uomo era disordinato, ma con il passare degli anni è pure peggiorato…quanto alla bipede figlia….tutta suo padre!!! Un abbraccio grande

  6. Mah… All’inizio del mio matrimonio i calzini venivano messi sul…calorifero. ti lascio immaginare!
    Poi ha imparato anche se dopo lungo tempo ho cambiato marito. Ora trovo delle palline al posto delle calze e cambi di biancheria tali che neppure wonder woman riuscirebbe a star dietro a tutte queste camicie da stirare. Le figlie? Una a due anni metteva già la biancheria stirata nei cassetti giusti senza che glielo chiedessi, l’altra ammucchia, spaia ed è praticamente inutile stirare, tanto l’entropia prende il sopravvento. La divisione del bucato per colori attiene ad uno stadio avanzatissimo degli studi sul bucato, mio “marito” si rifiuterebbe categoricamente… Forse sanno anche loro che non sono in grado di sviluppare competenze così raffinate 😉 bacioni

  7. hihih ogni mondo è paese… tutte con lo stesso problema 🙂 io mi arrangio 🙂 prova a regalare la nuova lavatrice non so di che marca… c’è una pubblicità sui canali televisivi in cui il marito insegna al figlio a lavare e stirare… e viene visto da uno sguardo meravigliato dai suoi amici maschi hihih

  8. Io mi accontento del fatto che i panni da lavare finiscano nel cesto della biancheria sporca. Il concetto di dividere i capi per colore è talmente lontano dalla logica del bipede maschio…anche se ha prodotto più volte lavatrici rosee!
    =D

    1. “Io mi accontento del fatto che i panni da lavare finiscano nel cesto della biancheria”… diciamo che io mi accontenterei, ma c’è una soluzione semplicissima anche a questo: viene lavata unicamente la biancheria nella cesta.

      Poi cercano la loro camicia, i loro jeans e non sono ancora puliti? Io il bucato l’ho fatto tutto, dov’erano queste cose? Sul pavimento? Sulla sedia di camera tua? Peccato, sarà per la prossima volta. :mrgreen:

  9. Il quadrupede felino, secondo me, non riesci ad addestrarlo. Mangia quando vuole, prende le coccole quando è in buona. Il quadrupede canino ha fallito la prova addestramento, mi pare a settembre. Hanno un vantaggio sui bipedi: non lasciano in giro calzini, mutande e vestiti.
    Suggerimenti: apriamo un forum, poi .. non lo so.
    La bipede figlia sarà irrecuperabile. Sono tutte uguali, leggi la mia. Poi si lamentano anche per i vestiti.
    Il bipede uomo ehm, ehm..è stato educato e addestrato poco. Mi sa che sia un caso da SOS Tato, corso accelerato per bipedi maggiordomi sul tema come si governa una dimora. Mi sa che sia irrecuperabile come la bipede figlia.
    Pochi consigli, pardon suggerimenti, perché sono a corto di idee anch’io
    Sereno venerdì sera.
    Un abbraccio

      1. Per approssimazioni successive, il modus pensandi da ingegnere esce sempre, li puoi avvicinare all’obiettivo: calzini grigi nel nero, mutande bianche nel bianco con avvio automatico della lavatrice. I vestiti della bipede figlia trattati con cura.
        Ci riuscirai. Ne sono sicuro.
        Baci

      2. Per approssimazioni successive, il modus pensandi da ingegnere esce sempre, li puoi avvicinare all’obiettivo: calzini grigi nel nero, mutande bianche nel bianco con avvio automatico della lavatrice. I vestiti della bipede figlia trattati con cura.
        Ci riuscirai. Ne sono sicuro.
        Baci

      3. Bipede moglie scorpione ma io io sono un bipede cancro, dicono intuitivo e con sesto senso, lunatico e sognante.
        Comunque c’è armonia tra toro e scorpione, anche se c’è da lottare.

      4. Ti comprendo benissimo.Avere un bipede scorpione in casa serve molta pazienza ma a me a volte scappa. Poi la bipede mia madre scorpione, te la raccomando.

  10. Io mi sono già pentita per non aver ammaestrato bene il mio bipede, perché all’inizio lui lavorava tanto ed io mi ero immedesimata nella donna che deve provvedere alla famiglia. Adesso con il baby bipede per casa in realtà quella che lavora di più, indubbiamente, sono io, ma il più delle volte, anche se mi viene riconosciuto il diritto al riposo, gira che ti rigira non solo trovo i calzini in giro, ma mucchi di vestiti vecchi di giorni sulla sedia, e altre tracce di bipede non evoluto ma ancora allo stadio cavernicolo.

  11. Mio figlio mette le scarpe a posto… con i calzini dentro. Eppoi ne vogliamo parlare delle lavatrici mangia calzini? Com’è che ne trovo sempre meno di quanti ne ho caricati?

  12. Difficile, forse impossibile dare suggerimenti o consigli…… ma ho sempre pensato che l’indifferenza porti alla riflessione e, prima o poi, ad un accordo fra le parti…….. fra i bipedi, scusa….. Ciao Elena

  13. Per la bipede figlia non le stirare più niente ,imparerà come ha imparato la mia dai 15 anni in su!
    Suddividere la biancheria prima non l’ho mai fatto ,la divido direttamente al momento del lavaggio!
    Un bacione! 🙂

  14. leggo, confermo e sottoscrivo!!!
    per fortuna per il mio piccolo è un gioco fare canestro nella cesta dei panni sporchi…pensa mi aiuta persino a portarli in lavatrice….
    il problema è il bimbo adulto (alias marito)…..su 7 giorni solo 2 giorni mette la roba nella cesta….

  15. I bipedi uomo necessitano di segnare il territorio……..è un istinto naturale . Meglio lasciare in giro i calzini che altro ! Mi sa che i tuoi quadrupedi sono femmine vero ?

  16. Non è un problema da poco, l’ordine in casa. Specialmente se c’è il lavoro di mezzo, marito e figli adolescenti ! All’inizio avevo anche io optato per la linea “morbida” ossia: lascio lì le loro cose, non tiro su niente, non sono la schiava di casa…alla fine affosseranno nel loro disordine e si responsabilizzeranno. Pessima idea! Adesso so che non è assolutamente la strada da seguire perchè non gli puoi fare favore migliore, col risultato che poi a vivere male sei tu perchè loro continuano imperterriti a lasciare tutto in giro. E allora? Ogni tre giorni mi trasformo in un generale. Rompo un pò le scatole, ma se vogliamo condividere e convivere insieme nello stesso spazio, voglio vedere tutto a posto. Non in modo maniacale, certo! Ma almeno non dovermi vergognare se entra qualcuno ( il famoso “qualcuno” del comico Brignano, non so se hai mai visto i suoi divertentissimi monologhi). Perchè poi, nell’ordine e nel pulito, è inutile negarlo, si vive tutti bene. Ho anche visto che dopo un pò, sembra che imparino almeno a “notare” che ci sono cose da fare. Prima non vedevano proprio niente…quindi al momento mi ritengo fortunata. Pugno di ferro = casa decente, per la gioia di tutti, amici compresi 😀
    P.S.: concordo con chi dice che sei già fortunata perchè almeno li mettono nel cestino e non te li lasciano in giro, non pretendere troppo! Ciao!

  17. i due “bipedi” con i quali vivo, entrambi maschi, sono stati sottoposti ad un ciclo di “rieduzazione”…incurante, ho colorato e scolorato, lavando anche le paccottiglie che lasciavano nelle tasche…Effetto? ora stanno attenti a come smistano e svuotano 🙂

  18. non mi intendo di oroscopi, sono acquario ascendente bilancia, da accertamenti effettuati risulta che la jena figlio sia un leone ascendente bilancia, mentre il coinquilino, ossia mio marito, è vergine ma altro non si è potuto reperire…astralmente come siamo messi?

  19. ho impiegato un po’ a leggere tutti i commenti, pero’ e’ stato interessante e divertente. Tutti e tutte con problemi piu’ o meno simili e tante soluzioni diverse ma sembra che quasi nessuna funzioni come mai? 🙂 I bipedi figli credo imparino nei momenti di bisogno e i bipedi mariti non saprei il mio mette sempre i panni nel cesti giusti…. fortunata?
    Pero’ a mali estremi estremi rimedi… il suggerimento di lavare i panni che sono nei cesti senza caccia al tesoro mi sembra interessante perche’ imparino, il mio bipede e’ ancora piccolino ma lo terro’ a mente per un prossimo futuro.
    Auguro a tutti una buona giornata “colorata”!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: